USMIA Interforze: “Nave sequestrata da migranti a Napoli, intervento forze speciali”

[Roma, 9 giugno 2023] – È notizia di questi minuti che una nave battente bandiera turca è stata sequestrata da 15 clandestini armati. Il Ministro della Difesa informa che le forze speciali della Brigata Marina San Marco stanno agendo per liberare gli ostaggi.

L’operazione, coinvolge una pianificazione meticolosa e l’impiego di risorse altamente specializzate, è in fase di condotta in risposta a una situazione di emergenza che si è sviluppata a bordo della nave. Le Forze Speciali della Brigata Marina San Marco sono state chiamate per affrontare questa delicata sfida e stanno dimostrato la loro competenza, professionalità e capacità operativa impeccabile.

Per chi non lo sapesse le Forze Speciali della Marina Militare, tra cui il COMSUBIN, sono gli stessi attaccati per il loro modo di salutare alla parata del 2 giugno scorso. A nostro avviso i giornalisti prima di lasciarsi andare in offese antimilitariste, sarebbe bene che si informassero sul lavoro particolare ed essenziale che svolgono i militari delle Forze Armate e Forze di Polizia che con moltissimi sacrifici si addestrano con le esigue risorse impiegate per lo strumento militare, per garantire la sicurezza in Italia e all’estero.

Ricordiamo che la loro preparazione addestrativa avanzata, combinata con una vasta gamma di competenze specializzate, consente loro di affrontare con successo sfide uniche e adattarsi rapidamente a circostanze mutevoli. 

Il successo di queste operazione sottolinea l’importanza delle Forze Speciali, tra cui la Brigata Marina San Marco come dei pilastri fondamentali delle forze armate italiane nella gestione di situazioni di crisi complesse. 

Le Forze Speciali continuano a garantire la sicurezza e la protezione degli interessi nazionali, dimostrando un impegno costante per l’eccellenza operativa e la salvaguardia della vita umana.

Sicure della buona riuscita dell’operazione, auguriamo ai nostri colleghi che tutto si concluda in maniera indolore.

Lo dichiara il Segretario Generale di USMIA Interforze NITTI Leonardo.

Torna in alto