USMIA Carabinieri: Pavullo finalmente rende omaggio al concittadino Carabiniere MOVM Martino Veduti nelle celebrazioni della festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale

   Domenica 6 novembre a Pavullo nel Frignano (MO) si svolgeranno le consuete celebrazioni in occasione della ricorrenza della Festa delle Forze Armate e dell’Unità d’Italia.

Usmia Carabinieri già dallo scorso anno aveva inteso interloquire con il Sindaco di Pavullo nel Frignano Davide Venturelli affinché in tale ricorrenza si potesse dare il giusto riconoscimento alla Medaglia d’oro al Valor Militare Col. Martino Veduti, originario del capoluogo del Frignano e lì sepolto.

Apprendiamo in questi giorni che l’Amministrazione Comunale ha inteso accogliere tale proposta aprendo le celebrazioni della giornata con la deposizione di una Corona al Cimitero di Monteobizzo ove riposa l’eroe. Alle ore 9, alla presenza delle Autorità del territorio e della cittadinanza verranno resi gli onori alla Medaglia d’oro per poi proseguire con il consueto corteo per il centro della città in onore delle Forze Armate.

Ricordiamo come Martino Veduti sia stato un militare dell’Arma dei Carabinieri medaglia d’oro al valor militare proprio nella prima guerra mondiale, ricordato dall’Arma con un picchetto d’onore davanti al suo sepolcro in occasione del bicentenario della Benemerita nel 2014.

Questa associazione non può che plaudere alla scelta, dimostrazione di vicinanza e riconoscimento dei compiti istituzionali dell’Arma dei Carabinieri e dei militari in servizio che ogni giorno, sull’esempio di tanti illustri predecessori, si sacrificano con enormi sforzi professionali e personali per garantire sicurezza e legalità in ogni angolo della nazione.

USMIA sarà presente con una sua delegazione per sostenere come sempre l’importanza di prendere spunto dal glorioso passato, adattarlo al presente e proiettarci al futuro.

Modena 04/11/2022

IL DIRIGENTE
Angelo De Simoni

Nella foto il picchetto d’onore dell’Arma dei Carabinieri alla tomba di Martino Veduti nelle celebrazioni del Bicentenario della Benemerita.

Torna in alto