LA DENUNCIA DI USMIA CARABINIERI: “ABBANDONIAMO LA NAVE”

BRINDISI: GRAVI DISAGI ORGANIZZATIVI, LOGISTICI E PERICOLO PER LA SICUREZZA DEI CARABINIERI A BORDO DELLA NAVE ALLOGGIATIVA

USMIA Carabinieri denuncia con massima fermezza le gravi condizioni in cui sono costretti a operare i Carabinieri impiegati nel G7 a Brindisi. Le problematiche riscontrate a bordo della nave alloggiativa sono intollerabili e richiedono un intervento immediato delle autorità competenti.

Stanze Inadatte e Insalubri: Numerosi militari descrivono le stanze come sporche, piccole e prive di finestre o di adeguati sistemi di condizionamento. I servizi igienici sembrerebbero inadeguati e maleodoranti, aggravando ulteriormente il disagio del personale.

Accesso Impedito alle Camere: Decine di carabinieri non sono riusciti ad accedere alle proprie stanze a causa del malfunzionamento dei badge di accesso. Questo disservizio, protrattosi per ore, è un chiaro segnale di una gestione approssimativa e negligente.

Manutenzione e Preparazione Insufficienti: La nave non è stata sottoposta a un’adeguata ispezione né a una preparazione efficace per l’accoglienza del nostro personale. La presenza di guasti tecnici e anomalie evidenzia una mancata revisione e controlli chiaramente inadeguati.

File Chilometriche per l’Accesso: L’accesso alla nave è stato caratterizzato da calca e file interminabili, costringendo i Carabinieri, già provati da ore di viaggio, a ulteriori attese estenuanti. Questo è un ulteriore segno di disorganizzazione logistica e mancanza di rispetto per le donne e gli uomini impegnati nell’importante evento.

Incompetenza e Mancanza di Sopralluoghi: È assolutamente inaccettabile che nessun dirigente pubblico abbia effettuato un sopralluogo preliminare per verificare l’idoneità della nave prima di concludere il contratto.

Mancanza di Briefing per gli Addetti alle Scorte: Gli addetti alle scorte non hanno ricevuto alcun briefing adeguato, rimanendo privi di istruzioni chiare e precise. Questa mancanza di coordinamento rischia di compromettere la sicurezza e l’efficacia delle operazioni.

Malori tra i Carabinieri: Diversi colleghi hanno accusato malori a causa delle condizioni critiche a bordo. Questo è inaccettabile e mette a serio rischio la salute del nostro personale.

Alla luce di queste gravissime problematiche, USMIA Carabinieri richiede con estrema urgenza l’intervento diretto e immediato del Comando Generale, affinché venga adottata un’azione rapida e decisa per ristabilire condizioni adeguate e sicure per tutti i nostri colleghi.

Abbandono della Nave:
A causa delle condizioni insostenibili, diverso personale ha già abbandonato la nave, cercando soluzioni alloggiative alternative e maggiormente dignitose. I Carabinieri hanno il dovere di garantire costantemente l’ordine e la sicurezza pubblica, così come l’amministrazione ha il dovere di assicurare dignità e sicurezza al proprio personale.

La Segreteria Nazionale

Torna in alto