CARABINIERI BOLOGNA: ARRESTO LATITANTE BOSS PAVIGLIANITI

Bologna: USMIA Sezione Carabinieri Emilia Romagna, rivolge un caloroso plauso per la brillante attività investigativa condotta dal personale del Comando Provinciale CC Bologna che ha consentito di assicurare alla giustizia Domenico Paviglianiti. Uno tra i più ricercati e pericolosi esponenti di spicco della ‘ndrangheta; soprannominato, negli anni ottanta e novanta, “IL BOSS DEI BOSS” operante a Madrid dove viveva da tempo da latitante.
Per il boss, la sua lunga carriera criminale è finalmente terminata – afferma con orgoglio di appartenenza il Segretario Regionale USMIA CC Massimiliano Sottili e continua – questo, solo grazie ad un’operazione congiunta condotta dai Carabinieri di Bologna e la Polizia Spagnola – Udyco Central, Procura felsinea, Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia (ICAN e ENFAST).
La capacità di collaborare in perfetta sinergia, evidenziano non solo le eccellenti doti professionali e investigative delle due Forze di Polizia, ma anche lo spirito di sacrificio e adattamento dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bologna che, in maniera diuturna, hanno operato in silenzio in ambienti pericolosi e fuori dal territorio nazionale.
Ora, il pericoloso latitante, dovrà scontare in carcere 11 anni, 8 mesi e 15 giorni per i reati di associazione di tipo mafioso, omicidio e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.
Un’operazione che sta avendo grande rilevanza a livello nazionale ed estero grazie alla quale l’immagine e il prestigio dell’Arma sta riscuotendo ulteriore lustro.
Bologna 05.08.2021

Il Segretario Generale Regionale Emilia Romagna
Massimiliano Sottili

Torna in alto