8° RADUNO MEMORIAL APP. ROMANO RADICI M.A.V.C.: UNA COMMEMORAZIONE DI EROISMO E DEDIZIONE

USMIA Carabinieri: “Prendiamo spunto dal nostro glorioso passato, adeguiamolo al presente e, insieme, costruiamo il futuro!

Stamane, nella suggestiva cornice del Parco dell’Appia Antica, ha avuto luogo l’8° Raduno Memorial App. Romano Radici M.A.V.C.. Un emozionante rituale per ricordare l’eroismo del graduato, caduto il 6 dicembre 1981 per mano di una vile azione terroristica mentre svolgeva il proprio dovere a bordo di una “gazzella” del Radiomobile di Roma.

La cerimonia, svoltasi alla presenza dei familiari e della vedova – quest’ultima preziosa figura e autentica madre putativa del Radiomobile capitolino – ha avuto inizio dalla Stazione Carabinieri San Sebastiano (in passato sede della 2^ Sezione Radiomobile) e si è conclusa presso la Basilica S. Tarcisio con il rito liturgico officiato dal Monsignor Vincenzo Pizzimenti, Cappellano militare del Comando Generale dell’Arma.

L’evento ha visto la partecipazione di illustri personalità politiche e militari, tra cui l’europarlamentare On. Anna Cinzia Bonfrisco, il Comandante Interregionale Podgora Gen. C.A. Salvatore Luongo, il Comandante della Legione Lazio Gen. D. Taurelli Salimbeni, il Comandante Provinciale di Roma Gen. Marco Pecci, il Comandante del Gruppo Roma Col. Luca Palmieri, il Comandante del Nucleo Radiomobile di Roma Col. Alessandro Dominici e altri ufficiali comandanti della linea territoriale operativa.

Le autorità presenti hanno reso omaggio ai nostri eroi caduti, riaffermando i valori di dedizione e sacrificio che esaltano l’agire del Carabiniere. La commemorazione dell’Appuntato Radici, insignito della Medaglia d’Argento al Valor Civile e della Medaglia d’Oro di Vittima del Terrorismo, rinnova il ricordo del coraggio e dell’ impegno al servizio della comunità.

Roma, 25 maggio 2024

Torna in alto