10 GIUGNO 2022 – GIORNATA DELLA MARINA MILITARE

Nella ricorrenza di una delle più brillanti e audaci imprese navali che impresse una svolta decisiva alla guerra marittima e alle sorti stesse della Prima Guerra mondiale, si celebra oggi la Giornata della Marina Militare Italiana.

Il 10 giugno del 1918, alle primissime luci dell’alba, al largo dell’isola dalmata di Premuda, il capitano di corvetta Luigi Rizzo, al comando del Mas 15, segnalò al guardiamarina Giuseppe Aonzo, comandante del Mas 21, di prepararsi per l’attacco. Le due piccole siluranti avanzarono lentamente, muovendo contro quelle che per un errore iniziale di valutazione ritenevano essere solo un gruppo di torpediniere in esplorazione quando, accorciando le distanze, si trovarono al cospetto della squadra navale da battaglia austriaca”.

Si trattò del successo degli Equipaggi che dopo lungo addestramento, studio, sperimentazione, determinazione, motivazione e grande sacrificio riuscirono ad avere la meglio su Navi maggiori e pesantemente armate.

Si tratta di valori che ancora oggi animano le donne e uomini della Marina Militare italiana affinché, nei tempi moderni in cui viviamo, possa essere sempre garantita, anche a dispetto di ogni avversità, la sicurezza nazionale e internazionale. Sicurezza che desideriamo evidenziarlo con grande forza e chiarezza non si può costruire dall’oggi al domani. Essa presuppone costante e grande attenzione, scevra da ogni retorica, nei confronti del Personale, vero “Centro di Gravità” di tutte le compagini militari. Preparazione, sacrificio, innovazione, aggiornamento, efficienza, mezzi moderni, idonei supporti tecnici e logistici, verifiche e controlli sistematici, rappresentano taluni requisiti imprescindibili che, per il bene delle Forze Armate, devono essere sempre tenuti al riparo da ogni velleità propagandistica e pregiudizio ideologico, in grado di infliggere danni ben più gravi di ogni altra possibile azione ostile.

A donne e uomini della Marina Militare che agiscono con altissimo senso della responsabilità e del dovere, esprimiamo la nostra gratitudine, considerazione, rispetto e ammirazione.

USMIA rivolge il proprio commosso e deferente pensiero a tutti i militari caduti al servizio della Patria nelle guerre passate, nelle operazioni di pace, nelle attività di supporto alla nostra popolazione, nelle attività di contrasto alla criminalità, per ogni azione di salvaguardia della sicurezza nazionale e internazionale.

Buon Vento ai Marinai”

Viva la Marina Militare, viva le Forze Armate, viva l’Italia.

Roma, 10 giugno 2022

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Torna in alto